Le solite domande
domenica 19 agosto 2012

Se un giorno vivrete in Messico, sappiate che ogni persona che incontrerete sarà molto interessata a scoprire qualcosa della vostra vita.

Ricordo che, durante il mio soggiorno in Norvegia, la situazione era ben diversa. Se, per casualità, incontravi un norvegese di buon umore, si poteva sbilanciare a dirti “Buon giorno!”, niente di più.

Invece una delle caratteristiche dei messicani è la loro voglia di chiacchierare e non hanno problema a farlo con sconosciuti, anzi. Se poi lo sconosciuto è straniero, la curiosità è molta e qualche domanda è d'obbligo.


All'inizio mi sentivo onorato di tante attenzioni da parte di negozianti, taxisti e passanti.
Una volta aspettavo l'autobus e, ad un tratto, mi sono sentito toccare le gambe da un bastone da passeggio. Mi sono voltato e c'era un vecchietto con cappello da contadino e baffetti bianchi?

“Gringo?” Mi ha chiesto.
“No italiano.”
“Benvenuto.”

Ho chiacchierato con il cassiere dell'università, con l'infermiera che mi prelevava il sangue, con il dottore, con il tizio che fa la foto per la patente, con gli studenti, con i tassisti, con i negozianti. E' parte del famoso calore del popolo messicano.

C'è gente che parte dall'Italia solo per vivere questo genere di situazioni che, nei paesi più ricchi, stanno scomparendo sostituite da fretta e indifferenza.

Dopo un anno e mezzo però non sempre mi va di parlare, soprattutto quando mi pongono le "solite domande".
Risulta un po' stancante rispondere alle nove di sera dopo quattro ore di lezione o quando si ha fretta o quando si hanno le scatole girate.

Le persone però sono sempre così gentili, positive che non si può rifiutare una conversazione e allora sorrido, mi faccio forza e rispondo.

Quali sono le “solite domande”? Eccole qua.

1) Perché sei venuto qui?
2) Come ti trovi?
3) Dov'è la tua famiglia?
4) Che lavoro fai?
5) E' differente l'Italia?
6) Quante ore d'aereo ci vogliono da qui al tuo paese? Quanto costa il biglietto?
7) Pensi di fermarti qui per sempre?
8) Hai la ragazza? Sei sposato? E' messicana o è una delle tue parti?
9) Cosa si mangia in Italia, pizza e pasta?
10) Come si dice “Hola como estas?”, nella tua lingua.

A volte cambio un po' le risposte per vedere le reazioni, soprattutto quando viaggio in taxi.

Per esempio se alla domanda 8 rispondete che siete fidanzati il tassista comincerà a lodare le qualità della donna messicana, la sua devozione al marito e il suo amore per la casa e i figli.

Se però affermate che siete scapoli, sentirete inni al libertinaggio, cuantas chicas, cuantas nalgas, cuantas oportunidades. Vai qui e vai là. Che fortuna che sei scapolo, io sono sposato da quindici anni.

Insomma da questi parti va così!

0 commenti:

Posta un commento

Che ne pensi?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...