Fare radio in Messico
martedì 26 giugno 2012


Se c'è una cosa bella nel fatto di vivere in Messico è che ti capitano cose che in Italia non osavi nemmeno immaginare. Per esempio collaborare ad un programma in una radio commerciale.

Da qualche mese, ogni quindici giorni, indosso i panni dell'esperto di ecologia, in un programma di divulgazione di notizie e consigli prodotto da una nota radio locale.

Vado allo studio in autobus, con la mia brava cartellina di cartone sotto il braccio la quale contiene le informazioni più importanti del mio intervento.

Il look che scelgo per l'occasione è sobrio, camicia, pantaloni, stivaletti da cowboy. I capelli un po' lunghetti creano quel minimo di disordine necessari per passare da persona originale.

Balli o non balli?
domenica 17 giugno 2012



Vivere all'estero significa affrontare la quotidianità in un ambiente culturale differente dal proprio e, la sensazione, è quella di vedere sfocato, un po' come quando dimentico di mettere gli occhiali.

Non capisco al cento per cento il perché di certe situazioni, perché la gente ride per alcune battute e non per altre, perché alcuni aspetti da noi trascurabili qui hanno una grande importanza e viceversa.

A volte, confesso, viene il mal di mare, ma fa parte del gioco; quello che è certo è che si possono imparare lezioni importanti.

Una potrebbe essere questa.

Le stagioni messicane
mercoledì 13 giugno 2012


Aguascalientes, è situata in una grande regione geoclimatica conosciuta come aridoamerica, il cui paesaggio è un susseguirsi di matorrales secchi e, più a nord, si incontra il deserto vero e proprio.

Risulta quindi molto facile dedurre che a un giorno di sole splendente e cielo azzurro si sussegue un altro giorno di sole splendente e cielo azzurro ed è così, credo, dai tempi dei tempi.

La palestra di pugilato
domenica 3 giugno 2012


Non so se ve l'ho già detto ma sto collaborando, in qualità di formatore, a degli incontri rivolti alle colonie. Il programma si chiama: “Convive Feliz”, un tentativo da parte del Municipio di ridurre la conflittualità di alcune zone della città facendo sensibilizzazione.

Affianco una psicologa. Pur non avendo una formazione specifica di sociologo, vi partecipo, perché i temi trattati non sono di per sé difficili (Valori, diritti umani, equità di genero); l'abilità sta nel presentarli ad un pubblico composto principalmente da nonne e casalinghe. Si tratta solo di fare un po' il simpatico, fare in modo che la gente parli e condivida il proprio punto di vista.

La settimana scorsa, dopo il consueto incontro ad Alta Vista, un ragazzo ha proposto a me e alla psicologa di visitare la palestra di pugilato di suo fratello.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...