I messicani e i soldi II
mercoledì 13 aprile 2011


Una volta ero in macchina con una ragazza che ad un certo punto mi indicò un mendicante: “Vedi quell'hijo de la fregada? Guadagna come un operaio. Il problema è che noi messicani non sappiamo amministrarci”.

Sì avevo sentito che i mendicanti messicani guadagnano relativamente bene. I pesos sono piccole monetine che ti ritrovi sempre in tasca. E' quasi naturale allungare due o tre pesos a una mano bisognosa. Lo fanno centinaia di persone quotidianamente. Un mendicante che riceve cento elemosine del valore medio di 2 pesos guadagna al giorno 200 pesos, al mese sono 6000 pesos, lo stipendio di un impiegato. 
Perché dunque non riesce a riscattarsi?

Anni fa è stata realizzata un'inchiesta giornalistica a Monterrey sui mendicanti e si è visto che alcuni di essi non vivono affatto nella povertà, sono dei professionisti dell'elemosina. Hanno macchine e case decenti ma hanno capito il businsess.

La maggior parte dei mendicanti però sono e rimarranno poveri.

La ragione è che non esiste una cultura diffusa del risparmio. I soldi sono come le giornate di sole, quando ci sono si godono, quando non ci sono si aspetta e si tira la cinghia.

Potrebbe essere una maniera nuova di considerare il denaro, perché vivere sempre nella misura come le formiche? Però non ne sono convinto. 

Questa maniera di gestire i soldi manifesta un grande difetto: la completa precarietà e quindi la dipendenza economica nei confronti di qualcun altro: datori di lavoro, parenti e strozzini. 

In questa maniera ci si può farsi una bevuta in più ogni tanto ma non ci si riscatta, non si è mai nelle condizioni per scegliere qualcosa di meglio.

(Continua...)

4 commenti:

  1. scopro il tuo blog nordico, ci approdo e mi rendo conto che sei in Messico: bè, tanto meglio, ti seguirò con ancora più piacere!

    RispondiElimina
  2. ottima riflessione...
    Ciao Daniele

    RispondiElimina
  3. ogni sabato sera faccio una bevuta per dimenticar le bionde

    RispondiElimina
  4. Grazie Miss Suisse, spero il mio blog ti possa divertire...

    Daniel mi raccomando, non mollare!

    RispondiElimina

Che ne pensi?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...